Passa ai contenuti principali

Letteratura e 25 aprile


Tu non sai le colline
dove si è sparso il sangue.
Tutti quanti fuggimmo
tutti quanti gettammo
l’arma e il nome. Una donna
ci guardava fuggire. 
Uno solo di noi
si fermò a pugno chiuso,
vide il cielo vuoto,
chinò il capo e morì 
sotto il muro, tacendo. 
Ora è un cencio di sangue
e il suo nome. Una donna
ci aspetta alle colline.

La terra e la morte, Cesare Pavese

Ricordare gli eventi che hanno segnato la storia d'Italia, anche i più recenti come la Liberazione, non va più di moda. Eppure il 25 aprile 1945 è una data importante che determina un importante percorso intrapreso in Italia, comunque la si pensi a riguardo.
Riflettendo sul 25 aprile mi è tornata la voglia di leggere qualcosa che mi facesse sentire in maniera più forte il periodo della guerra civile in Italia, così ho cominciato a cercare fra i ricordi di scuola superiore, fra le letture che ho fatto, fra i libri che ho in casa e che non ho mai letto, nel web. Alla fine ho messo insieme un bel po' di testi, senza la pretesa di essere esaustiva, ma seguendo un po' il mio interesse. Si tratta per lo più di testi che afferiscono alla corrente del neorealismo italiano.
Numerosi sono gli spunti che vengono da Beppe Fenoglio, partigiano che prese parte alla Resistenza e che fa di questo importante periodo della sua vita la base per la maggior parte della sua opera letteraria.  Egli racconta con realismo, senza idealizzazione e retorica della resistenza e lo fa con sfumature diverse. In lettura ho i racconti che compongono il testo dal titolo I ventitre giorni della città di Alba dove racconta la vita partigiana e la vita contadina durante la resistenza. Nella libreria di casa ho l'incompiuto Una questione privata, dove la resistenza fa da sfondo ai moti interiori di un giovane partigiano. Il partigiano Johnny, forse il suo romanzo più famoso che tratta, prendendo spunto da aspetti autobiografici, la vita da partigiano del giovane Johnny; l'ho inserito fra i libri da procurarmi e da leggere al più presto.
Mi è poi venuto in mente un libro letto molti anni fa che avevo trovato fra i testi che mio fratello doveva leggere per la scuola superiore: L'Agnese va a morire di Renata Viganò, un libro bellissimo dove il ruolo importante e il coraggio delle donne che presero parte alla resistenza vengono messi in luce.
Seguendo il filone del "femminile" mi è poi venuto in mente La ragazza di Bube di Carlo Cassola, di cui ho scritto qui, che si sviluppa durante l'ultima fase della guerra e negli anni successivi. Fa respirare il vissuto nella vita di persone che hanno per lo più subito quanto accadeva, che non erano spinti da ideologie e dagli effetti che un determinato periodo storico ha prodotto nelle loro vite.
Vi è poi la resistenza letta con gli occhi di un bambino de Il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino, in cui però non viene dato spazio a banalizzazione, semplificazione o sentimentalismo. Si tratta di un altro testo che mi procurai anni fa e che non ho mai letto.
Anche se non strettamente legato alla resistenza e alla liberazione, mi è venuta voglia di citare anche Un eroe del nostro tempo di Vasco Pratolini, un libro molto cupo che ho letto un paio di anni fa, che si inserisce nell'immediato dopoguerra con le sue contraddizioni, la confusione  ideologica, lo smarrimento dei giovani.
A me molto caro è  La casa in collina di Cesare Pavese dove egli arriva a porre una profonda riflessione sul senso della guerra:

"Ora che ho visto cos'è la guerra civile, so che tutti, se un giorno finisse, dovrebbero chiedersi: - E dei caduti che facciamo? perché sono morti?. Io non saprei cosa rispondere. Non adesso almeno. Né mi pare che gli altri sappiano. Forse lo sanno unicamente i morti, e soltanto per loro la guerra è finita per davvero".


Nella bibliografia che ho consultato ho trovato anche altri testi a tema resistenza, sono graditissimi i suggerimenti utili ad integrare la mia lista:


Fausto e Anna, Carlo Cassola
Primavera di bellezza, Beppe Fenoglio
Una guerra civile, Claudio Pavone
Uomini e no, Elio Vittorini


Bibliografia
http://www.centrostudibeppefenoglio.it/Homepage/index.html
http://www.unige.it/newsletter_uff/articoli/n7_art2.shtml
http://dellaguerra.altervista.org/seconda_guerra_mondiale/2gmlett2.htm

Commenti

  1. Post interessante... =) Però io non amo molto leggere "libri a tema". Difficilmente seguo le ricorrenze. Comunque prendo nota! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io, ma questo è sempre stato un tema a me caro e che ha influenzato tantissimo la nostra letteratura :) Grazie per essere passata!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…