Passa ai contenuti principali

La ragazza di Bube, Carlo Cassola


Il libro è stato scritto da Carlo Cassola tra il 1958 e il 1959 e nel 1960 vinse il premio Strega. Pochi anni dopo ne è stato tratto anche un film.

Siamo in Italia, più precisamente in Toscana, subito dopo la seconda guerra mondiale. Bube è un partigiano militante nel partito comunista, Mara è una sedicenne che si innamora di lui e che viene da una famiglia di comunisti. Bube sarà implicato in una vicenda giudiziaria che segnerà profondamente il percorso di vita di Mara e la sua maturazione.
Questa la trama in breve, ma il libro va ben oltre una semplice storia d'amore.
Racconta dell'Italia, della sua storia, degli italiani e della società dell'immediato dopo guerra, a cavallo del referendum per la scelta tra Repubblica e Monarchia.
Credo che si tenda a vedere il dopoguerra in maniera molto netta, ma non è stato così. Si tratta di storia recente, forse ancora non ben metabolizzata. Gli italiani si identificavano a fatica con una visione politica e chi lo faceva si schierava da una parte o dall'altra, mentre la maggior parte delle persone, qui a mio avviso incarnate nella semplicità e genuinità di Mara, viveva passivamente le vicende politiche.
In particolare mi sembra emerga la difficoltà da parte dei giovani di identificarsi in qualcosa. In questo, per certi aspetti, mi ha riordato un romanzo di Pratolini, Eroe del nostro tempo, che racconta proprio dello smarrimento post-bellico giovanile.
Il libro ci mostra la maturazione di Mara, una ragazza spensierata, semplice e genuina che desidera l'amore e lo trova in Bube. Vive con lui momenti di spensieratezza e di ardore giovanile, si promettono il matrimonio, ma improvvisamente le circostanze della vita li separano. Mara cresce e matura su questa promessa, sceglie di essere fedele a Bube, sceglie di essere La Ragazza di Bube e questa sarà la sua identità che porterà avanti nonostante tutto il dolore che incontra nel percorso della vita e che riesce ad affrontare con forza e coraggio. L'aspetto fondamentale del personaggio di Mara, a mio avviso, è proprio la scelta che lei fa. Non vive passivamente nel dolore, ma sceglie di percorrere un percorso costellato di dolore.
Bube da sfrontato e coraggioso come lo si trova nella prima parte del libro, comincia via via a sentirsi uno strumento in mano di altri e comprende come l'unico appiglio che gli permette di affrontare la drammatica prova che le scelte compiute nella vita gli hanno messo davanti, sia il legame con Mara e il desiderio di poterlo vivere appieno.
Il linguaggio del libro è semplice, vi sono numerosi dialoghi e si legge molto velocemente.
Forse sono di parte, tutti i libri che trattano della storia d'Italia mi emozionano particolarmente, probabilmente per il senso di appartenenza che risvegliano in me; questo lavoro di Cassola mi è piaciuto davvero molto per la semplicità della storia, la genuinità dei personaggi e la sincerità che traspare nel racconto di un'epoca che si percepisce come lieve sottofondo.

"Ma non fu che un momento: perché ancora una volta quella forza che l'aveva assistita in tutte le circostanze dolorose della vita, la sorresse e le ridiede animo. Mara rimase di nuovo sveglia, con gli occhi aperti, e pensava che aveva fatto la metà del cammino, e che alla fine della lunga strada ci sarebbe stata la luce..."

Commenti

  1. Il fascino di questa storia mi sembra la solidità delal scelta di Mara. Una donna che si dimostra capace di decidere da sola, del prorpio destino. La ringrazio di aver ricordato questo gioiello della letteratura italiana contempoeranea...

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo. La forza interiore di Mara, la sua determinazione e il suo
    coraggio di scegliere sono il fulcro del libro. Mi ha ricordato una
    generazione di donne:le nostre nonne o madri che hanno saputo accettare ed
    affrontare la vita nella sua interezza affrontando situazioni e questioni
    con una autodeterminazione e forza d'animo di cui forse molte nuove
    generazioni non sono consapevoli.
    Grazie per il commento e per aver letto il mio pensiero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…