Passa ai contenuti principali

La campana di vetro di Sylvia Plath



"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.

Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come metafora della difficoltà di una donna di muoversi in un mondo pieno di convenzioni sociali, che quasi la soffocano e ne causano la malattia. Non parlerò di questo aspetto. Mi interessa di più dare una mia impressione su ciò che mi ha trasmesso una lettura più intima del libro.
La narrazione si apre a New York, fin dalle prime righe fa la comparsa anche la morte che accompagnerà come un sottofondo tutto il testo. In questa prima parte la Plath utilizza un linguaggio brillante, lieve, ricco di dettagli che rappresenta alla perfezione il sentire della narratrice Esther.
Esther/Sylvia è una giovane ventenne alle prese con una prima esperienza lavorativa. Alcuni eventi divengono causa di profonda delusione per Esther, tali accadimenti nel mio modo di vedere le danno modo di confrontare l'immagine che ha di se stessa con ciò che le rimanda, come uno specchio, il mondo esterno, generando una frattura che sfocia nella malattia mentale.  Esther/Sylvia manca di identificazione, non sa più chi è, ha perso il senso di se stessa, dei propri confini.
La Plath riesce a raccontare questa fase di disintegrazione, di sofferenza, di spazio bianco, in modo chiarissimo. Non descrive: la scrittura diventa direttamente veicolo che comunica al lettore i vissuti di Esther/Sylvia. L'uso del linguaggio cambia, le frasi si accorciano, la narrazione si blocca in un presente che si dilata.
Tutto diviene più fluido quando la protagonista riesce a rimettere in circolo la propria energia vitale, con la consapevolezza che la campana di vetro potrebbe scendere nuovamente su di lei.
Questo libro, nella mia personale esperienza, è stato solo una piccola introduzione alla figura di Sylvia Plath; credo che per comprenderla dovrei affrontare la sua opera poetica e i suoi diari che però sono giunti a noi incompleti: il marito ne ha distrutto delle parti prima di farli pubblicare.
Concludo questa mia breve impressione di lettura riportando un passo che fa sentire il vissuto di Esther di essere senza protezione, invasa dallo sguardo altrui:

"Sentii il suo sguardo penetrare la bianca rivestitura della casa e le rose cremisi della tappezzeria e scoprirmi, rattrappita là sotto, dietro gli elementi argentati del radiatore.
Scivolai fino al letto e mi tirai le coperte oltre la testa. Ma neppure questo bloccò fuori la luce, così seppellii la testa sotto il cuscino fingendo che fosse notte. Non riuscivo ad aver voglia di alzarmi: non vi era nulla che desiderassi fare."


Suggerisco questo sito: http://www.sylviaplath.altervista.org per avere una rapida visione d'insieme della poetessa.

Commenti

  1. Anche io mi sento ignorante; è un'autrice che spesso ho sfiorato, ma mai letto... grazie per questo contributo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver letto il mio pensiero. Ho ordinato il diario della Plath in biblioteca. Ho letto alcune poesie e sono come lame affilate...

      Elimina
  2. Questo libro mi attende in libreria, aspetto il momento in cui sentirò di doverlo prendere in mano...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…