Passa ai contenuti principali

Vanessa e Virginia di Susan Sellers

"Giro il caledoscopio della memoria, guardo le forme che filtrano e cadono. La verità non è mai facile. La tua tara era fonte per me di sollievo e terrore. Gli dei ti avevano dispensato troppi doni."

Ho letto questo libro poiché ho partecipato ad un gruppo di lettura proposto da Libridine73.
Le due protagoniste sono Virginia Woolf e la sorella Vanessa Bell. Premetto che eccetto Mrs Dalloway (che ho letto in vista della partecipazione alla lettura di gruppo di questo libro) non ho mai letto nulla della Woolf e la mia conoscenza della sua vita è marginale.
Susan Sellers, l'autrice, è una grande studiosa di Virgina Woolf, della sua vita e della sua opera.
La cosa che più ha reso speciale questo libro è che non si tratta di un testo su Virginia Woolf, ma è la storia di Vanessa e del significato che Virginia ha avuto per lei, infatti è Vanessa che parla e lo fa sfiorando con delicatezza i vari momenti che ricorda della propria vita che è emotivamente connessa a quella di Virginia. In questo modo la Seller ci regala una prospettiva diversa di Virginia Woolf.
Vanessa è una pittrice e nel libro mi è parso che la Seller la faccia parlare per immagini, ogni momento della sua vita è raccontato come se fosse un quadro, un'immagine che condensa una molteplicità di significati. Non si perde in lunghe divagazioni, viene lasciato molto spazio al lettore di intuire il senso delle cose, non si dilunga a spiegare chi siano i vari personaggi che popolano la scena.
Il rapporto fra le due in questo libro è ambivalente, vi sono numerosi vissuti aggressivi, è molto realistico nel dipingere le dinamiche di un rapporto fra sorelle. E' come se Vanessa vedesse Virginia come luce e se stessa come ombra.
Il libro è un viaggio a ritroso che Vanessa fa dopo la morte di Virgina, inizialmente pensavo si trattasse di una ricerca di senso, ma dopo la lettura direi che si tratta più di un tirare le somme della globalità della propria esistenza, un ripercorrere la loro storia.
Al di là della trama, la lettura è stata piacevole per il modo delicato e lieve di scrivere della Seller, per l'aver ricreato nella mia mente ciò che Vanessa raccontava. Quando un libro tocca le mie corde più profonde continua a vivere dentro di me anche quando non lo leggo e con questo è successo. Inoltre questo libro fa da apripista per un approfondimento dell'opera e della figura di Virginia Woolf.

Ringrazio Libridine73 e tutti i partecipanti del gruppo di lettura per avermi permesso le numerose riflessioni che sono nate dalla lettura di gruppo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…