Passa ai contenuti principali

Un bravo ragazzo Javier Gutiérrez


"Polo, il passato è sempre lì, sommerso, invisibile. Nascosto ma pesante, ancorato al fondo del mare, coperto di limo e ruggine, gonfio e deforme, ma indelebile come una voglia sulla pelle"  
                      
Un libro letto tutto d'un fiato: traumatico, asfissiante, difficile da metabolizzare.
Il libro è ambientato a Madrid e racconta ciò che avviene nella mente di Polo dopo l'incontro con Blanca, la ragazza faceva parte della sua band, non la vedeva da dieci anni, dal giorno in cui la band si sciolse in seguito ad un evento drammatico e violento che era accaduto proprio a Blanca. 
E' un lungo flusso di coscienza nel quale Polo sembra consapevolmente voler mentire a se stesso per salvare le apparenze anche ai propri occhi. 
Il modo in cui l'autore ha scelto di raccontare la storia mi ha dato l'impressione quasi di una corrosione del falso sé che Polo si era costruito nel tempo. Una spirale negativa, un velo che viene dispiegato per svelare un volto deformato.
Polo che è fedele soltanto a se stesso, ma a quale se stesso?
E' difficile da digerire questo romanzo, soprattutto per una lettrice di sesso femminile per il tema di cui tratta, per il viaggio all'interno della mente di una persona con un certo tipo di perversione che riduce il corpo femminile ad oggetto, o forse nemmeno a quello.
Viene rappresentata in maniera estremizzata anche la generazione dei giovani di fine anni '90, quella generazione con valori distorti, che non è mai riuscita a maturare fino in fondo, che ha dovuto spingersi sempre più in là perché cresciuta nell'agio.

"Mi ha detto che il problema della nostra generazione era che avevamo sempre avuto la pappa pronta, senza dover mai lottare contro qualcosa, nessun contrasto, nessuna dittatura, niente fame o guerre, niente di niente, che eravamo una generazione perduta, allo sbando, una generazione a perdere che non avrebbe lasciato traccia nel mondo"

L'autore, Javier Gutiérrez è nato nel 1974, non ho trovato altri suoi libri, ma mi terrò aggiornata perché mi piacerebbe leggere altro di suo.

Commenti

  1. "Mi ha detto che il problema della nostra generazione era che avevamo sempre avuto la pappa pronta, senza dover mai lottare contro qualcosa, nessun contrasto, nessuna dittatura, niente fame o guerre, niente di niente, che eravamo una generazione perduta, allo sbando, una generazione a perdere che non avrebbe lasciato traccia nel mondo".
    Questa citazione è molto bella. Vale anche per noi italiani. Estendendo però i limiti temporali, perché in Spagna la dittatura c'è stata fino al 1975; da noi era finita da tempo... prezioso contributo

    RispondiElimina
  2. Effettivamente ho dato per scontato l'aspetto storico che riveste non poca importanza.....interessante. Grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…