Passa ai contenuti principali

Neve di primavera Yukio Mishima



















"L'istante in cui finisce un bacio è carico del malinconico dispiacere che connota un risveglio forzato: vorremmo ancora dormire, ma non sappiamo opporci al sole del mattino che, simile ad agata, attraversa la pelle sottile delle nostre palpebre. In quel preciso istante la prelibatezza del sonno raggiunge il suo culmine" 


Un libro raffinato e struggente. 
Di appartenente al mondo giapponese conoscevo soltanto Murakami, complice un'offerta lampo di amazon ho acquistato Neve di primavera di Yukio Mishima, autore conosciuto in Italia soprattutto per aver compiuto il suicidio rituale giapponese.
Neve di primavera è una storia d'amore, d'amicizia, di maturazione, ma anche il racconto di un Giappone che cambia, che sta incontrando l'Occidente. Mishima l'ha scritto nel 1967 e fa parte di una tetralogia: Il mare della fertilità, il cui personaggio comune è Honda, attraverso i cui occhi viene narrata la storia d'amore fra Kiyoaki e Satoko.
Satoko è una giovane appartenente all'aristocrazia giapponese e cresce insieme a Kiyoaki che appartiene invece alla nuova borghesia. I due giovani con tempi diversi si innamorano. Il libro racconta la loro tragica storia. 
La prima parte è stata difficile da affrontare per la sua lentezza, ma mi ha permesso di entrare nel ritmo del romanzo, di leggere senza fretta dandomi modo di assaporare il libro. Mano a mano che i personaggi si sono delineati la lettura è stata più scorrevole, anche se ha richiesto comunque molta attenzione. Fin dall'inizio infatti Mishima dissemina elementi simbolici che preludono ad un evento tragico creando un'atmosfera di tragica attesa che il lettore respira lungo tutta la durata del libro.

"Perfino in un cielo senza una nuvola una rondine fuori stagione determina un'improvvisa lacerazione"

Numerose sono le descrizioni della natura e spesso ci si accorge quanto queste siano in sintonia con il vissuto emotivo dei personaggi, come l'ambiente parli per loro, quasi come se il mondo interno dei personaggi si esternasse nell'ambiente. Mishima riesce inoltre a descrivere alcuni eventi con una delicatezza ed una sensualità ineguagliabili, il tutto con un forte sapore orientale che non sa di artefatto.
Il titolo "neve di primavera" nasce da una nevicata che fa da sfondo (e da co-protagonista) di un evento che segnerà una svolta importante nella relazione tra Kiyoaki e Satoko, quel momento in cui entrambi riescono finalmente ad incontrarsi emotivamente, ma rappresenterà alla fine del romanzo anche l'ultimo atto della loro storia. Entrambi i momenti sono narrati in modo sapiente e  con profondità risultando quasi momenti sacri. 

Molto intensa è anche la rappresentazione che viene fatta dell'amicizia fra Honda e Kiyoaki, la quale trova una sua piena realizzazione soltanto alla fine del romanzo.

"Kiyoaki e Honda erano diversi l'uno dall'altro come lo sono i fiori e le foglie di una stessa pianta. Kiyoaki esibiva senza difese la propria natura; era nudo, vulnerabile, con gli occhi gocciolanti come un cagnolino sorpreso dalla pioggia all'inizio della primavera, e possedeva una sensualità non ancora responsabile delle proprie azioni. Al contrario Honda, avendo anzitempo intuito i pericoli della vita, preferiva accovacciarsi sotto una gronda ed evitare quella pioggia troppo luminosa"

Una volta terminato il libro l'ho ripreso dall'inizio e ne ho riletto alcuni passaggi.
Come sempre, dopo che si termina un libro che ci è entrato nel profondo diventa difficile staccarsene.

Commenti

Post popolari in questo blog

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…