Passa ai contenuti principali

Amore 10 anni dopo di Julian Barnes

Questo libro segue "Amore, ecc." di cui avevo parlato qualche mese fa qui sul blog. Non mi aveva entusiasmato, eppure appena ho visto "Amore dieci anni dopo" l'ho preso immediatamente; i personaggi avevano continuato a ronzarmi in testa e, a dire il vero, non smettono di farlo nemmeno adesso.
Barnes riprende la storia esattamente da dove ci aveva lasciati. Il libro è scritto con la stessa modalità del predecessore, ci sono cioè più voci narranti che parlano direttamente al lettore. I protagonisti principali sono anche qui Gillian, Oliver e Stuart solo che sono invecchiati di 10 anni, lo stesso Barnes è invecchiato, ma è comunque riuscito a dare linearità ai personaggi, ne ha sviluppato adeguatamente le personalità.
Oliver è diventato un disadattato senza un ruolo nella società, è come se non riuscisse ad essere adulto; non ha saputo incanalare e far scendere a patti la sua personalità con il mondo esterno, manca appunto di adattamento.
Stuart è riuscito invece molto bene nella vita lavorativa rimandando socialmente una buona immagine di sé, ma a livello emotivo è rimasto bloccato.
Infine incontriamo Gillian che qui ho trovato apparentemente molto più matura, ma che risulta irritante a causa dei continui candidi tentativi di manipolazione delle vite di Oliver e Stuart. Nel dipingerla Barnes è stato davvero capace. In "Amore, ecc." e  nei primi capitoli di questo libro mi aveva quasi ingannata, era riuscita a manipolare anche me. A dire il vero anche in una scena finale sono rimasta perplessa poiché non ho capito se quanto raccontato per bocca di Gillian sia davvero accaduto o se mi sono trovata di fronte al suo ennesimo tentativo di consegnarmi una realtà distorta. Di fatto Gillian riesce sempre a farla franca a discapito di tutti i personaggi i quali in qualche maniera assorbono tutto il dolore e lo manifestano in maniera differente.
I personaggi in questo secondo libro hanno davvero preso vita. Un grande merito di Barnes è quello di aver saputo rappresentare la complessità delle relazioni matrimoniali senza ipocrisia attraverso una vicenda tragicomica  facendomi sorridere lasciandomi però al contempo la necessità di riflettere.
Il finale non è definitivo, anzi è molto aperto magari fra dieci anni Barnes avrà voglia di raccontarci a che punto stanno questi tre, in fondo, come ci dice Stuart, per poter scrivere davvero la parola fine le storie dovrebbero terminare solo con la morte di tutti i personaggi.

"...ma le storie non assomigliano abbastanza alla vita per i miei gusti. nei romanzi qualcuno si sposa e tutto finisce lì -be', lasciatemi dire che le cose non stanno così, e parlo per esperienza personale. Nella vita vera ogni fine è solo l'inizio di un'altra storia. Tranne quando si muore - quella sì che è una fine. Secondo me per essere davvero fedeli alla realtà i romanzi dovrebbero concludersi con la morte di tutti i personaggi; ma in quel caso non vorremmo più leggerli, dico bene?
[... ] Ma la vita non ti molla mai, non è vero? E neppure la puoi chiudere come faresti con un libro."

Commenti

  1. "Nella vita vera ogni fine è solo l'inizio di un'altra storia. Tranne quando si muore - quella sì che è una fine". Mi piace molto questa frase...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me. Racchiude tanti significati sulla vita e anche alcuni quesiti sulla letteratura. Barnes mi sta piacendo davvero molto. ..

      Elimina
  2. Di Barnes ho letto solo "Il senso di una fine", spero di aver modo di approfondire :)

    RispondiElimina
  3. Guarda mi è piaciuto tantissimo Il senso di una fine è antico la necessità di leggere altro di suo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…