Passa ai contenuti principali

Lo Spettro di Jo Nesbø

Questo ennesimo libro della serie di Jo Nesbø con protagonista Harry Hole mi ha colpito talmente tanto da spingermi ad andare oltre la mia solita breve recensione su ANobii.
Avevo appena terminato Il Leopardo, il romanzo che precede Lo Spettro e avendolo già nel mio ebook reader, l'ho iniziato immediatamente.
Si tratta di un thriller che va oltre: c'è molto Hole, molto della sua personale storia ed evoluzione.
Una cosa mi è rimasta particolarmente impressa e ha assunto nel mio personale modo di approcciarmi al libro un significato simbolico: Harry si presenta all'inizio del libro con un abito di lino marrone, insolito per lui che normalmente indossa abiti di uno stile diverso, e vi si tiene attaccato anche quando sarebbe il caso di non farlo. Questo è un abito da uomo maturo, da padre. Infatti Harry si trova a dover dipanare la matassa dietro ad un omicidio per il quale è stato accusato Oleg, il figlio della donna di cui è innamorato e
con la quale ha avuto un'importante storia, Oleg che per lui è sempre stato come un figlio. Si vede un'importante evoluzione del rapporto tra Harry e il ragazzo, momenti bellissimi che mi hanno fatto commuovere.
Poi ci sono il thriller, il mistero e gli intrighi legati ad una Oslo dipinta come una città flegellata da una droga che crea dipendenza e meccanismi sociali e criminali molto simili a quelli creati dall'eroina. Harry come sempre dipana la matassa e come sempre lo fa a modo suo, trovandosi talvolta in situazioni che mi hanno fatto sfuggire un sorriso da quanto improbabili e irraelistiche fossero, ma non importa, si tratta di un romanzo, si tratta di Harry Hole.
I vissuti del dipendente da violina, la sostanza stupefacente simile all'eroina di cui si parla nel libro, sono raccontati molto bene, lasciano il segno permettendo di capire le ragioni dietro ad alcune azioni senza lasciare spazio a troppi moralismi.
Come in altri thriller di Nesbø ci sono più voci narranti che intervallano l'esposizione degli eventi, questa volta una delle voci narranti è la vittima dell'omicidio di cui è accusato Oleg, e anche tutta questa parte è emotivamente interessante.
Il finale: un'esplosione di sentimenti e di colpi di scena.
Lo ritengo un libro che può essere apprezzato  e compreso di più da chi già conosce i personaggi che popolano la Oslo di Nesbø, possibilmente nella loro evoluzione nel corso del tempo e in particolare Harry e il suo vissuto nei confronti di Oleg.
La lettura di Lo Spettro mi ha lasciato oltre che con l'impellente desiderio di scriverne un'impressione di lettura, con il bisogno di leggere il libro successivo, Polizia.
A presto Harry.

Commenti

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…