Passa ai contenuti principali

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talmente tanto quello che mi ha trasmesso che ho proprio il desiderio di parlarne. Non l'ho ancora finito, mi mancano un centinaio di pagine, ho paura di lasciare quelle atmosfere, la completezza di questo romanzo mastodontico, non per la mole, ma per la quantità di contenuti a diversi livelli.
Via col vento mi ha ridato nuova linfa e ho ripreso a leggere abbastanza intensamente, impegni lavorativi e familiari permettendo. Sono così riuscita a leggere un altro libro che rimandavo da tempo: Il potere del cane di Don Winslow, un thriller americano sui cartelli della droga messicani: pazzesco, soprattutto quando ho capito che le vicende e i personaggi narrati sono fortemente ispirati a vicende e personaggi realmente esistiti. L'adrenalina de Il potere del cane mi ha subito portata ad ordinarne il seguito in biblioteca: il cartello che sto attualmente leggendo.
In lettura in questo periodo ho anche Se una notte d'inverno un viaggiatore di Calvino; non sono mai riuscita ad apprezzare Calvino, per quanto la sua prosa scorra in maniera assai fluida e leggerlo è come accarezzare la lingua italiana. Vediamo come va con questo suo famoso e importante testo.
Ho molti libri da leggere, wishlist e anche percorsi di lettura che attendono di essere battuti, spero di riuscire a superare nei prossimi mesi questa inerzia e tendenza a volte a perdere troppo tempo a leggere recensioni anziché dedicarmi al romanzo, a quello che davvero mi fa "sentire" luoghi, personaggi, epoche storiche ed emozioni. Vorrei riuscire ad effettuare meno accessi ai social e concedermi invece la possibilità di perdermi nel flusso di un buon romanzo.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…