Passa ai contenuti principali

Copia-e-incolla di Danny Wallace


Avevo bisogno di un bel libro british di un autore della mia generazione e devo dire che sono rimasta soddisfatta della mia scelta.
Di Danny Wallace avevo letto La ragazza di Charlotte street, ma a differenza di quest'ultimo, la lettura di Copia-e-incolla è stata molto scorrevole, l'ho terminato davvero in breve tempo. Si tratta del classico libro di narrativa contemporanea inglese, non può non ricordare Hornby, ma con questo non voglio dire che ne sia un'imitazione, anzi.
Il protagonista è Tom, un trentenne che da qualche anno vive a Londra; fa lo speaker in un programma radiofonico.
Il libro si apre con un breve messaggio lasciatogli dalla sua compagna che recita: "Tom, me ne vado, ma non ti lascio. Tu continua pure come sempre.  Con amore, Hayley". Tom reagisce con stupore e inizia un percorso alla ricerca di Hayley che lo porterà a capire meglio chi è la sua compagna e a fare un viaggio che gli consentirà di avere il coraggio di guardare a nuovi aspetti di se stesso.
Come in La ragazza di Charlotte street il protagonista è un trentenne che non si è mai trovato, un uomo sospeso, bloccato in un lungo presente con la vita e il tempo che gli scivolano addosso, senza la spinta ad afferrare qualcosa che lo faccia sentire vivo.
Il libro è pieno di situazioni esilaranti che fanno da sfondo ai spontanei tentativi di Tom di mettere il naso fuori dalla finestra, osservare il mondo, prenderne manciate e concedersi il piacere di "sentire" in modo genuino e semplice.
E' un libro dolce, il protagonista è tenero, non si può non tifare per lui, per la sua crescita. Si empatizza facilmente con Tom. Come per il precedente libro di Wallace trovo più calzante il titolo originale Who is Tom Ditto? che racchiude meglio il senso del libro.
Le cose che mi sono piaciute di più del libro sono lo stile di scrittura fatto di brillanti dialoghi, il personaggio di Tom con la sua normalità e profonda vulnerabilità; ma la principale ragione per cui ho amato Copia-e-incolla è l'utilizzo dell'umorismo per trattare, sorvolandoli senza la pretesa di spiegarli, temi e problemi dei trentenni di oggi, una generazione che forse ancora non sa quale sia il suo posto nel mondo.

"E' la più totale e logorante consapevolezza di essere inutili, incapaci, senza speranza, che influisce su qualunque aspetto della tua vita dal momento esatto in cui ti accorgi della presenza di quello che alcuni chiamano il cane nero...ormai è nella tua visione periferica, non hai bisogno di guardarlo per sapere che c'è, lo puoi sentire ansimare, accucciarsi e, di colpo, qualunque senso di autostima e benessere abbandona il tuo corpo come uno spettro e, come in quei sogni dove ti manca la terra sotto i piedi, non c'è niente che tu possa fare, se non guardarlo andarsene per lasciare posto alla disperazione, alla stanchezza e al vuoto. Guarda la marea che si alza, guarda la nebbia che si espande, guarda il cane che tira al guinzaglio."

Commenti

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…