Passa ai contenuti principali

Social Media Book Tag

In attesa di avere un po' di tempo per mettere insieme un paio di pensieri decenti su due libri letti ormai tempo fa, uno dei quali addirittura a fine 2014, mi diletto in un rapido tag a cui sono stata invitata a partecipare da If you have a garden and a library...you have everything you need oramai tempo fa.
Dunque, lo scopo è quello di associare ai social network più famosi (alcuni non li uso nemmeno) un libro. Mi sono presa la licenza di non citare un paio di punti e di fare qualche modifica al tag per farlo calzare meglio con le mie personali reazioni alla lettura.

1. RACCONTO BREVE PREFERITO (ispirato a twitter)
 Non sono una grande lettrice di racconti e quello che sto per citare a sire il vero non l'ho mai pensato all'interno della categoria, ma effettivamente lo è. Sto parlando di Tra donne sole di Pavese. Un racconto per me molto potente, penetrante che ho riletto più volte. Pavese in questo racconto narra di due donne che sono l'una l'opposto dell'altra nel modo di fronteggiare il dolore che fa parte della vita (ovviamente questa descrizione è assolutamente riduttiva).
In questo racconto la sensibilità di Pavese raggiunge a mio avviso un livello altissimo. Riletto tantissime volte.

2. UN LIBRO LETTO PRIMA CHE VENISSE CONSIDERATO UN FENOMENO (ispirato a tumblr)
 Non è un fenomeno, ma è un libro che ho letto prima che diventasse famosissimo e che se ne parlasse talmente tanto da trarne poi un film: Un giorno di Nicholls. Un libro brillante, inglesissimo (ammetto di avere un debole per gli autori inglesi) e che ripercorre la vita di due persone all'interno di un lungo periodo di tempo, tratteggiando, seppur vagamente, alcuni aspetti della società inglese dei vari periodi.

3.  UN LIBRO CHE HA GENERATO TANTO ENTUSIASMO DA SUGGERIRLO IMMEDIATAMENTE AGLI AMICI LETTORI (ispirato a instagram)
 Sicuramente Non lasciarmi di Ishiguro. Dopo averlo letto ero rimasta folgorata. Mi aveva colpito tantissimo. I personaggi principali sono ancora ben impressi nella mia memoria, nonostante la lettura del libro risalga ad anni fa. Estremamente doloroso. Eppure a me solitamente i libri troppo pieni di dolore non piacciono. Questo caso è diverso. Questo libro mi ha insegnato delle cose, mi ha fatto percepire una prospettiva diversa.

4. UN LIBRO CHE DOVREBBE DIVENTARE UN FILM
La saga della Sigma force di James Rollins, il mio autore di avventura preferito. I suoi libri sembrano già delle sceneggiature.





 

Commenti

  1. Ciao!! =) Ma sai che dei quattro libri citati non ne ho letto nemmeno uno!? :D Dovrei nascondermi?!
    Comunque non è mai troppo tardi per fare questi giochetti! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un modo anche per far conoscere libri:)

      Elimina
  2. Due sono i racconti brevi che ho amato: "L'orientamento dei gatti" (in "Tanto amore per Glenda") e "Lì, ma dove, come?" (in "Ottaedro") di Julio Cortazar.
    Pienamente d'accordo su "Non lasciarmi" di Kazuo Ishiguro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Cortazar non ho mai letto nulla, ma da un po'di tempo mi è venuta voglia di farlo!

      Elimina
  3. Ciao! Ti ho nominata per il Liebster Award. =)
    http://ifyouhaveagardenandalibrary.blogspot.it/2015/03/liebster-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, non ho molti blog da supportare, ci penserò :) Sei stata molto carina

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…