Passa ai contenuti principali

Book tag: Il corpo umano

Ringrazio If you have a garden and a library you have everything you need per aver proposto questo tag lanciato inizialmente da Il baule d'inchiostro .
Di seguito la mia risposta!



OCCHI: UN LIBRO DI CUI TI SEI INNAMORATO AL PRIMO SGUARDO


Fratelli d'acqua di Andrea del Fuego

La bellissima copertina mi ha attirata fin da subito sullo scaffale delle novità della libreria. Non l'ho comprato subito, ma come ho raccontato in un post mi è arrivato fra le mani grazie ad un prestito di MissTortellino .
Il libro ha mantenuto le promesse: la copertina è evocativa, misteriosa, simbolica tanto quanto il contenuto!










POLMONI: UN LIBRO FONDAMENTALE NELLA TUA VITA

La luna e i falò di Cesare Pavese

Un libro che sta da sempre dentro il mio comodino. Ho scelto l'immagine dell'edizione che ho io. Non è stato il mio primo Pavese, ma è stato il libro che mi ha definitivamente legata a questo grande autore italiano. Cosa amo di Pavese? Il dolore esistenziale che serpeggia fra le righe di quel che scrive, la sua prosa musicale, le potenti immagini che evoca. Insomma per me leggere Cesare Pavese è come tornare a casa.












STOMACO: UN LIBRO CHE HAI DIVORATO

Trilogia della città di K di Agota Kristof

Non è un libro immediato, tutt'altro. Sono però riuscita a leggerlo senza fatica in meno di due giorni, ma se tornassi indietro gli dedicherei più tempo per poterlo digerire meglio e poco per volta. Angosciante e spiazzante. Uno dei più bei libri che io abbia mai letto.












FEGATO: UN GROSSO LIBRO


 Non me vogliano gli autori del tag, ma al fegato associo più che un grosso libro, un libro per cui ho avuto coraggio. 

Trainspostting di Irvine Welsh

Ho vissuto la mia infanzia tra gli anni '80 e gli anni '90, periodo in cui l'eroina era una piaga della società. Questo libro affronta il tema con una sincerità e una crudezza uniche viste le esperienze che Welsh fece sulla propria pelle.









CUORE: UN LIBRO ROMANTICO

Un giorno di David Nicholls

Ben scritto, un libro non banale con una bellissima storia d'amore che si sviluppa lungo alcuni anni. I personaggi sono costruiti benissimo e sono ancora ben vividi nei miei ricordi, anche se sono molto lontani dall'essere perfetti...in molti casi mi hanno pure dato ai nervi per la loro incapacità di affrontare le cose, ma ciò è solo segno della grande umanità che l'autore è riuscito a dar loro.







STOMACO:  UN LIBRO CHE HAI LETTO E CHE CONOSCONO TUTTI

I tre moschettieri di Alexandre Dumas 

Spassosissimo! Letto solo qualche anno fa, è una delle più belle storie di amicizia che mi è capitato di leggere. Inoltre la storia di Francia è sempre così affascinante... Forse ancor più bello il seguito "Vent'anni dopo". Mi manca il terzo e ultimo capitolo "Il Visconte di Brangelonne" che è già nel mio kindle!










APPENDICE: UN LIBRO CHE TI E' INDIFFERENTE


E l'eco rispose di Khaled Hosseini

Ho scelto questo perché si tratta di un libro che ha avuto molto successo, invece io non mi sono sentita coinvolta minimamente














CERVELLO: UN LIBRO REALISTICO E RIFLESSIVO


Ogni mattina a Jenin di Susan Abulhawa

Si tratta di un romanzo, ma la storia è un espediente per raccontare sotto il punto di vista di una bambina prima e di una donna dopo, la storia recente del popolo palestinese. Questo testo mi ha dato l'input per approfondire alcune questioni che avevo valutato in maniera troppo superficiale.











UNGHIE: UN LIBRO CHE PER TE VALE ORO

Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello

Fondamentale nel mio percorso di vita. L'ho riletto tantissime volte e scrivendone adesso mi sta tornando la voglia di rileggerlo.














Lascio da inserire una voce "Capelli: un libro che hai comprato perchè aveva una bella copertina". Lo faccio perché non ho mai scelto un libro dando maggior peso alla copertina.
Spero che, anche se brevi e solo velocemente accennate, le motivazioni delle mie scelte siano sufficientemente chiare. Se rifacessi questo Book tag fra un anno o due i titoli (salvo alcuni che rappresentano dei punti fermi) cambierebbero.
Buone letture!
















Commenti

  1. "Trilogia della città di K."...tutti ne parlano e bene! Io non l'ho mai letto...Però mi incuriosisce, anche se non ce l'ho in wishlist! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella si tratta di un libro molto particolare anche per la sua struttura narrativa, io te lo consiglio. Lo presi perché un libraio vedendo che lo stavo guardando mi disse di prenderlo perché era un libro sorprendente :)

      Elimina
    2. Allora ci farò un pensiero e se mi capita l'occasione lo prendo! Grazie =)

      Elimina
  2. Quoto Pavese e la Kristof.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…