Passa ai contenuti principali

Fratelli d'acqua di Andréa del Fuego



Prima di scrivere di questo libro voglio ringraziare Eleonora Forno alias Misstortellino per aver messo a disposizione Fratelli d'Acqua nella prima catena di lettura che ha proposto attraverso la sua pagina facebook, a chi può interessare il  bellissimo progetto di Eleonora può dare un'occhiata qui https://www.facebook.com/Misstortellino oppure qui https://www.facebook.com/groups/611921462262264/ . Segnalo inoltre il blog di Eleonora http://unasolamoltitudine.blogspot.it/


Fratelli d'acqua catturò la mia attenzione tempo fa quando lo vidi fra le novità proposte dalla libreria che frequento più spesso, complici la bellissima immagine di copertina e la fascetta sulla quale c'era scritto che Fratelli d'acqua aveva vinto il Premio Saramago del 2013, un premio biennale che viene attribuito ad un libro scritto in lingua portoghese da un giovane autore. Da grande appassionata di Saramago non poteva non incuriosirmi.
Un mese fa circa Eleonora ha parlato del libro in un post del suo blog e poco dopo l'ha messo a disposizione per la prima catena di lettura: non mi sono lasciata scappare l'occasione!
L'autrice brasiliana Andréa del Fuego  racconta ciò che accade in un lungo arco temporale ai tre fratelli Malaquias dopo che un fulmine si abbatte sulla loro abitazione sita in una zona rurale del Brasile causando la morte dei genitori. Non è indicato il tempo in cui è ambientata la storia, ma si intuisce che si tratta di un passato relativamente recente.
Si respirano tradizione, animismo, influenze del cattolicesimo e del progresso che investe le zone rurali del Brasile.
La narrazione è ricca di aspetti simbolici. Il realismo magico pervade il racconto, le parole dell'autrice sono come musica. Approcciandosi alla lettura affidandosi completamente al testo, ci si accorge come le parole siano veicolo di sensorialità generando nel lettore immagini vivide e ricche di colore, facendogli sentire suoni, sapori. Non c'è ridondanza, non ho sentito un eccessivo uso di stile a discapito della sostanza. Lo stile di scrittura rende vivo il libro.
La prima impressione che ho tratto da questa storia è che assomiglia molto ad un racconto delle origini, quasi una sorta di racconto mitologico sulla famiglia Malaquias. In seguito ho scoperto che il titolo originale del libro è proprio Os Malaquias.
Mi ha colpito  il tipo di legame fra i fratelli. Ad un certo punto, divenuti adulti, sentono il bisogno di tornare nel luogo d'origine, questo bisogno somiglia più ad una specie di pulsione, ad un richiamo, a qualcosa di viscerale.
Ho trovato poi interessante la figura di Geraldina, un'antenata di un personaggio minore che viene rappresentata come una sorta di spirito che cambia forma per poter rimanere nel luogo dove ha vissuto. Geraldina mi ha fatto pensare alla presenza delle generazioni passate,
al loro essere comunque parte del presente di un luogo e delle persone che lo abitano.
Un libro potente che deve essere ancor più intenso se letto in portoghese.





Commenti

  1. Non conoscevo questo libro, mi hai messo molta curiosità al riguardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere :) A me personalmente piace trarre nuovi spunti in particolare riguardo generi diversi da quelle che sono le mie abitudini :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

Le ragazze di Emma Cline

Il libro di Emma Cline è stato considerato il caso editoriale degli ultimi mesi del 2016. Me ne sono procurata una copia poco dopo l'uscita, ma ho avuto modo di leggerlo solo nelle ultime due settimane.
Si tratta di un libro che evoca numerose suggestioni, soprattutto relativamente al senso di smarrimento, di ricerca d'identità che si vive nella prima fase di adolescenza, il tutto amplificato dal periodo storico e dal luogo e il contesto sociale in cui è ambientata la storia: famiglia benestante della California del 1969. Siamo infatti in un'epoca in cui vi è molta libertà sessuale, la ricerca di droghe di vario genere è assai diffusa, l'emancipazione femminile è al suo culmine.
Evie, la quattordicenne protagonista vive la sua adolescenza con forte disagio e si trova a fare frequentazioni pericolose che finiranno per segnarne l'intera esistenza, se non da un punto di vista "penale", da un punto di vista personale e psicologico. Infatti la protagonista fa…

Pensierino della domenica sera #2

E' da un po' che non affido alla rete qualche pensiero legato alle mie letture.
Sono stati mesi poco proficui da un punto di vista quantitativo, ma non posso dire lo stesso rispetto alla qualità di quel che ho letto. Ho letto poco, ma bene.
C'è stato un periodo in cui proprio non ho aperto libro, oppure in cui ciò che ho aperto non mi ha soddisfatto nemmeno un po'. Poi complice Antonella del blog If you have a garden and a library you have everything that you need ho ritrovato il sapore di un buon libro. Antonella aveva iniziato a leggere Via col vento di Margaret Mitchell, era da anni che pensavo a quel libro, ma la mole e la difficoltà di trovarlo in libreria (ho dovuto prenderne una copia usata della Mondadori perché credo non venga più ristampato) mi avevano  fino a quel momento dissuasa. Invece ho trovato in Via col vento uno dei più bei romanzi che io abbia mai letto. Penso che dedicarò maggiore spazio a questa grandissima opera della Mitchell perché è stato talm…