Passa ai contenuti principali

Pensierino della domenica sera...

Questa volta non si tratta di un'opinione di lettura, ma di una riflessione sulla mia esperienza del leggere.
Ci sono tanti libri che accompagnano le mie giornate (e nottate in alcuni fortunati casi!). Leggo più di un libro per volta, a volte perché forse nulla di quello che sto leggendo mi cattura pienamente, altre volte perché ho bisogno di intervallare una lettura intensa, impegnativa o difficile da un punto di vista di temi trattati con qualcosa di più leggero. A volte leggo più libri contemporaneamente perché ogni libro ha il suo momento della giornata o corrisponde ad un mio stato d'animo.
Mi torna in mente un libro che campeggiò sul mio comodino per tantissimo tempo: era il primo anno di Università e ricordo che per mesi prima di dormire leggevo qualche pagina di La quarta verità di Ian Pears, libro che avevo trovato noiosissimo e che mi serviva da sonnifero!
Una lettura intensa e bellissima sempre risalente ai tempi dell'Università era conservata per il tempo che da pendolare passavo in treno, si tratta degli Indifferenti di Moravia.
A volte invece mi capita che un libro che sto leggendo quasi magicamente, o con sincronicità come suggerirebbe il caro Jung, trova una serie di collegamenti con eventi legati esattamente al quel periodo della mia vita, l'ultima volta che mi è successo è stato con La scopa del sistema di Wallace, bhé certo, sto parlando di un autore che tende ad entrare letteralmente nei processi di pensiero del suo lettore.
Per alcuni libri invece sento una necessità impellente di divorare pagine, generalmente mi accade con i gialli, ma non solo, infatti La trilogia della città di K della Kristof mi fece lo stesso effetto.
Altre volte ho bisogno del libro scaccia pensieri che mi tenga incollata alle pagine, che mi trasporti in una trama divertente, frizzante, ma soprattutto prevedibile e per questo rassicurante, penso ad esempio alla Kinsella.
Queste sono solo alcune delle mie esperienze di lettore, scritte un po' di getto come appunto un pensierino della domenica sera...

Commenti

  1. Ciao, sono passata a dare un'occhiata al tuo blog e leggendo i post ho trovato questo. Anche a me capitano le stesse cose, alternare le letture in base agli stati d'animo, leggere più libri alla volta fino a che uno non prende il sopravvento sugli altri, ma anche trovare collegamenti tra una lettura e un'altra seguendo una specie di filo logico. Fa piacere sapere che i lettori condividono queste cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È incredibile come le storie che leggiamo e i percorsi che si sviluppano da esse ci parlino e influenzino così tanto le nostre giornate. Grazie mille per essere passata e per il commento

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lincoln nel bardo, George Saunders

Ho letto questo libro poiché finalista al Man Booker Prize 2017, di cui poi è stato il vincitore.Di solito non mi piace scegliere libri troppo chiacchierati perché inevitabilmente influenzano la mia lettura e il mio modo di recepire il romanzo. A dire il vero ho in programma la lettura dell'ultimo romanzo di Auster, anch'esso sulla bocca di molti e finalista al Man Booker Prize 2017. Cercherò pertanto di non leggere o vedere opinioni in merito per mantenere il più mia possibile l'impressione del libro.
La struttura di Lincoln nel bardo è molto particolare, si tratta di una sorta di romanzo corale in cui ogni voce per lo più parla direttamente al lettore. Alcune di queste voci sono delle vere e proprie fonti dell'epoca, altre sono inventate dall'autore.
Sostanzialmente il romanzo si svolge in un luogo sospeso tra la vita e la morte e molte delle voci narranti sono spiriti intrappolati in questa sorta di limbo, anime che non riescono a lasciare andare la vita terre…

La campana di vetro di Sylvia Plath

"Come facevo a sapere se un giorno o l'altro -al college, in Europa o in qualche altro luogo, in qualsiasi luogo- la campana di vetro, con le sue distorsioni opprimenti, non sarebbe discesa di nuovo sopra di me?"

La campana di vetro è uno di quei libri che mi hanno fatto sentire profondamente ignorante. Mi sono infatti chiesta perché non l'avessi mai nemmeno preso in considerazione.
Sylvia Plath è una poetessa americana, il suo unico romanzo è appunto La campana di vetro, edito nel 1963 un mese prima del suo suicidio, con lo pseudonimo Victoria Lucas. La scelta di utilizzare lo pseudonimo deriva dal fatto che il libro è autobiografico, narra infatti l'accesso all'età adulta della Plath e dello scompenso psichico che quest'ultima ha avuto proprio in quel periodo e che sfociò con un tentato suicidio.
Esistono numerose analisi su La campana di vetro, interessante è stata la prefazione che ho trovato nell'edizione Mondadori che descrive bene il testo come me…

I Privilegiati di Jonathan Dee

Prima di leggere le mie impressioni di lettura si consiglia di leggere la cookies policy del blog

I Privilegiati  di Jonathan Dee è un libro del 2010 edito da Neri Pozza, io l'ho letto nell'edizione economica di Beat.
La moralità è al centro di questo romanzo, o meglio un concetto distorto della stessa, quasi si trattasse di una forma di moralità che si è sviluppata nella società attuale in cui i legami affettivi sono sempre meno diffusi, in cui aumenta la solitudine e conta solo dare il massimo possibile a chi si vuole bene, senza badare ai mezzi che si utilizzano per raggiungere l'obiettivo.
Nella mia esperienza di lettura, il primo capitolo da solo ha dato gran parte del valore al libro. Qui Dee racconta il matrimonio dei due protagonisti, il tutto sembra una grande sinestesia fatta di voci, suoni, colori. Mancano le emozioni, o meglio, sembra non arrivino mai ad un certo livello di complessità.
Il modo in cui Dee inizia il libro ha rafforzato in me l'idea che la fa…